Picture

Vorrei condividere il mio entusiasmo per un film che ho appena visto: Black Swan. 
Con Natalie Portman, che oltre a essere così bella e brava, per qualche motivo sceglie sempre dei film interessanti, probabilmente anche lei è una tipa interessante..., non lo so, ad ogni modo, Black Swan (Il Cigno Nero), mi è piaciuto veramente tanto. Uno dei pochissimi film che mi è venuta voglia di rivedere da subito.

Anche se sicuramente, sì, mi rendo conto che è un film che può anche fare storcere il naso. Ad alcuni sembrerà di sicuro un po' eccessivo, e difficile da capire e da seguire, soprattutto nella fase finale, quando comincia a perdersi e a svanire la distinzione tra sogno e realtà, tra simbolo e realtà. 
Ma nella vita di un'artista, e la protagonista di questo film è una ballerina, la linea di demarcazione tra sogno e realtà è sempre molto labile e confusa. Come lo è, e lo deve essere, la differenza tra bene e male, alto e basso, spazio e tempo, conscio e inconscio, bianco e nero..., insomma quelle due coordinate di base, in base alle quali noi cerchiamo di orientarci e di ordinare la nostra vita, e in base alle quali l'artista finisce inevitabilmente per perdersi, anzi deve perdersi.

E tralasciando commenti tecnici che non sono in grado di fare, il film di Darren Aronofsky, se vogliamo fare il riassuntino, è fatto molto bene..., ed è la metamorfosi esistenziale ed artistica di Natalie Portman, che da cigno bianco, ovvero ragazza candida, al sicuro dalla mamma, regina della tecnica, e isolata dal mondo, si trasforma in cigno nero, ovvero femmina sensuale, indipendente, e libera di ferire e di amare con le sue unghie. Fino in fondo, fino a dove la perdita di controllo è perfezione. Fino a dove la vita si confonde con la morte. 
 


Comments




Leave a Reply

    Picture
    Universi Paralleli... Sui quali ci sintonizziamo. Nei quali ci spostiamo, nei quali viviamo contemporaneamente. Le teorie scientifiche più recenti li sostengono. Ma stanno su da soli questi universi paralleli? O sono già tutti dentro di te? I mistici li chiamano semplicemente sogni.