Picture
l'ipnosi del "debito" pubblico: taglia, taglia, taglia...

Il debito pubblico non esiste, è solo un errore linguistico


di Daniel Mayoraz

Considerazioni sulla crisi del debito all'interno del sistema monetario contemporaneo:

1- Il problema del debito pubblico è una delle più grandi ipnosi di massa della storia. Perché in realtà il problema del debito pubblico, per uno stato a moneta sovrana, non esiste. Siccome il denaro è creato dallo stato attraverso la banca centrale, la banca centrale è in grado di versare direttamente a beneficio del Tesoro tutto il denaro necessario alle spese dello stato, alle infrastrutture e agli investimenti... (in maniera adeguata e proporzionale alla crescita economica e alla massa monetaria in circolazione - per non creare eccessiva inflazione).
Solo che non vuole farlo. Purtroppo ciò che avviene oggi è che la banca centrale crea nuovo denaro mettendolo in circolazione quasi esclusivamente a beneficio del sistema bancario. Queste iniezioni di liquidità (489 miliardi recentemente) vanno sì a beneficiare i mercati finanziari, ma entrano solo limitatamente nell'economia reale. 

2- L'unica causa della crisi economica e della sfiducia dei mercati in molte nazioni dell'area euro come l'Italia, è l'adozione dell'euro come moneta. 
Il malgoverno e gli sprechi, e tutto quello che ci vogliono far credere, non c'entrano un bel niente, nisba, zero. L'entità del debito pubblico nemmeno. (Per esempio il Giappone ha un debito pubblico molto più grande di quello dell'Italia, eppure i rendimenti dei suoi titoli di stato sono vicini allo zero. Questo perché il Giappone ha una banca centrale che stampa yen, e quindi nessuno dubita della sua capacità di ripagare i debiti).

Il problema dell'euro invece, è che l'euro è una moneta tecnicamente straniera, e quindi gli stati come l'Italia che l'hanno adottata, non possono garantire la restituzione dei debiti nella loro moneta, perché non hanno più la facoltà di crearla..., possono solo prenderla in prestito. Questo diritto di creare moneta nell'area euro è oggi esclusivo della BCE, che però sembra avere dei piani non molto in sintonia con quello che è l'interesse delle nazioni dell'area euro...

(Ora la stangata di Mario Monti è di 40 miliardi. PER EVITARE LA STANGATA BASTAVA CHE LA BCE INVECE DICESSE AD UN FUNZIONARIO DI DIGITARE "40.000.000.000 euro" NEL CONTO DEL TESORO ITALIANO sotto le "passività" e la stessa cifra nel suo conto nelle "attività" (cioè nel foglio elettronico che vedete sotto). Impiegava un minuto. Dopo di chè lo stato italiano poteva accreditare stipendi, pensioni, pagare forniture, bollette perchè il suo conto corrente era aumentato di 40 miliardi.... - dal forum di cobraf.com)

3- Lo stato potrebbe creare moneta senza emettere titoli di stato, direttamente accreditando il Tesoro, a tasso zero. 
Ad ogni modo, per rimanere ad oggi, anche il debito accumulato tramite titoli di stato e i conseguenti interessi, sono un problema irrilevante per uno stato a moneta sovrana. Solitamente lo stato emette semplicemente nuovi titoli di stato per rimborsare i titoli di stato giunti a maturazione. Inoltre i rendimenti sui titoli di stato arricchiscono i cittadini che acquistano i titoli di stato, a rischio zero perché il debito di uno stato a moneta sovrana è sempre solvibile. 
Alla base rimane sempre la facoltà dello stato di creare moneta dal nulla, e la conseguente certezza della sua abilità di ripagare i debiti e gli interessi.

4- Il problema del debito pubblico è essenzialmente un problema LINGUISTICO. Il debito pubblico non può essere chiamato debito pubblico, perché in uno stato a moneta sovrana, il denaro da resistuire è creato dal colui che è indebitato. Supponiamo che io sia l'unica persona al mondo ad avere il diritto di creare "ciccrigoti" (- non so cosa siano...), ma ho facoltà di produrne in maniera illimitata e istantanemente, dal nulla: a questo punto, il fatto che io abbia un debito di un milione di trilioni di "ciccrigoti" con te non significa nulla, perché tu non dubiterai della mia ability to pay, ovvero della mia abilità di restituire i "ciccrigoti", perché li posso creare istantaneamente.
Lo stesso discorso vale per una moneta sovrana come il dollaro, lo yen, o il franco svizzero... Quindi in questo senso è improprio usare il termine "debito", perché qui si tratta di qualcosa che è sempre restituibile per definizione.

5- Il problema del debito pubblico è essenzialmente un problema LINGUISTICO. Questo perché la moneta è creata dal nulla dallo stato, senza alcuna parità o convertibilità con l'oro o con altri beni fisici reali. Se fossimo sotto il gold standard, allora sì, il debito pubblico sarebbe un problema reale, perché quanto dovuto corrisponderebbe a un equivalente in oro. Ma oggi, all'interno del nostro sistema monetario, il debito pubblico per uno stato a moneta sovrana non è un debito reale, perché non corrisponde ad alcun bene materiale che deve essere restituito.

6- Il problema del debito pubblico è essenzialmente un problema LINGUISTICO. Il debito pubblico si accumula essenzialmente attraverso il deficit di bilancio dello stato. Ma il deficit dello stato, nel sistema monetario contemporaneo, è positivo, perché significa semplicemente che lo stato immette PIU' moneta nel sistema economico privato, di quanta ne riceve indietro con le tasse. Siccome i soldi non piovono dal cielo (e non sono convertibili in oro), ma li crea dal nulla uno stato a moneta sovrana, quando lo stato è in deficit arrichisce i cittadini, perché questo significa che distribuisce più soldi nella società di quanti ne richiede indietro. Invece quando lo stato è in surplus, significa che i soldi che entrano nelle casse dello stato grazie alle tasse, sono di più di quelli che lo stato spende per la società, e quindi i cittadini si impoveriscono.
Attenzione: il governo Monti ha inserito nella costituzione italiana la parità di bilancio. Quindi per legge costituzionale, l'Italia deve diventare un paese povero.

7- Solo un forte aumento delle esportazioni - di solito grazie alla svalutazione - può compensare la perdita di ricchezza dei cittadini dovuta a un surplus di bilancio dello stato, perché con un aumento delle esportazioni nuovo denaro fresco proveniente dall'estero entrerebbe nel sistema.
L'equazione base del sistema economico contemporaneo basato sulla moneta creata dalla stato (dal nulla), è:
Domestic Private Balance + Domestic Government Balance + Foreign Balance = 0 [bilancio domestico privato + bilancio domestico dello stato + bilancio estero = 0]

Quindi matematicamente, perché il bilancio privato (quello dei cittadini) sia in positivo (in surplus), è necessario che il bilancio dello stato sia negativo (in deficit), (a meno che, come già detto, non ci sia una grossa influenza positiva del bilancio estero).
In pratica, più lo stato a moneta sovrana spende a deficit, più arricchisce i cittadini.
[Per approfondimenti: Modern Money Theorypaolobarnard.info]

Quindi riassumendo, 
la crisi economica mondiale è di natura ipnotica, ed è causata essenzialmente dall'ossessione di ridurre il debito pubblico, quando per DEFINIZIONE, in questo sistema economico, il debito pubblico, non è debito, perché equivale alla ricchezza, cioè al denaro messo in circolazione a beneficio dei cittadini.

Quindi o qualcuno si inventa una nuova parola da inserire nel dizionario, o non ne usciamo più. Io consiglierei per esempio "BENEFICIO PUBBLICO" invece di debito pubblico.

8- Concludendo, la crisi economica del debito, nasce come ipnosi di massa e si concretizza nella realtà solo perché è utile: 
A. alle elite finanziarie (che si arricchiscono prima con la speculazione, e poi acquisendo attività economiche fallite e nazioni a prezzi stracciati, e potendo disporre di forza lavoro con salari molto più bassi).
B. alle elite politico-massoniche-globaliste (che grazie alla paura, all'insicurezza e alla sofferenza della popolazione durante periodi di crisi, possono portare avanti con facilità i loro progetti politici in maniera autoritaria e antidemocratica).
Generalmente questi due gruppi elitari A e B, sono in realtà la stessa cosa.
 
(e meno male ieri ha nevicato...)
The Ramones
Vocals: Joey Ramone
Guitar: Johnny Ramone
Bass: Studio Version: Dee Dee Ramone / Video: CJ Ramone
Drums: Marky Ramone


Merry Christmas, I don't want to fight tonight with
Merry Christmas, I don't want to fight tonight
Merry Christmas, I don't want to fight tonight
Merry Christmas, I don't want to fight tonight with you

Where is Santa? At his sleigh?
Tell me why is it always this way?
Where is Rudolph? Where is Blitzen, baby?
Merry Christmas, merry merry merry Christmas

All the children are tucked in their beds
Sugar-plum fairies dancing in their heads
Snowball fighting, it's so exciting baby

I love you and you love me
And that's the way it's got to be
I loved you from the start
'Cause Christmas ain't the time for breaking each other's heart

 
Sappiamo benissimo che la cattiveria produce altra cattiveria, che produce altra cattiveria, che produce altra cattiveria ancora... (E lo si può dire dei litigi, dei proiettili, dell'ingiustizia, delle menzogne...)

Ma la stessa cosa vale anche per la gentilezza. 
Non solo basta poco a far sorridere una persona, basta poco anche per cambiare il mondo, un giorno alla volta...
Il boomerang della gentilezza:
 
Azione legale contro la Repubblica Italiana, Silvio Berlusconi, la Guardia di Finanza, l'ambasciatore italiano all'ONU Ragaglini, il segretario delle Nazioni Unite Ban Ki-Moon, il World Economic Forum e altri individui e entità finanziarie.
L'azione legale è per l'appropriazione indebita di buoni del tesoro americani per un valore nominale di 134 miliardi di dollari, la maggior parte dei quali del 1934. Il valore attuale stimato è di 1000 miliardi di dollari circa. 
L'azione legale è ufficiale. (Consultabile anche sul sito governativo americano pacer.gov)

Tutto risale al 2009, quando alla dogana di Chiasso vennero arrestati due cittadini giapponesi che cercavano di entrare in Svizzera, e questi 134 miliardi di dollari di bond americani vennero sequestrati. I media ufficiali ne hanno parlato, anche se brevemente. La Guardia di Finanza ha dichiarato di ritenere originali questi buoni del tesoro. Poi i due giapponesi sono stati rilasciati, e non non se n'è saputo più niente. Fino al 23 Novembre di quest'anno, quando è stata ufficialmente presentata questa azione legale negli Stati Uniti. L'azione legale è di Neil Keenan, in rappresentanza della Dragon Family, così si fanno chiamare. Un gruppo di famiglie cinesi che sarebbero proprietarie dei buoni del tesoro in questione. Di cui le autorità italiane e altre entità sopra citate hanno preso possesso in maniera illegale.

L'autore David Wilcock ha svolto un'intervista con Benjamin Fulford ed ha scritto un lungo articolo sulla questione, per il quale ha ricevuto minacce di morte molto serie. Fulford è un ex giornalista e responsabile editoriale di Forbes per l'Asia, un autore di libri bestseller, ed ha avuto per anni responsabilità e contatti di altissimo livello nell'ambito politico ed economico asiatico. Conosce personalmente la maggior parte dei leader politici, militari, mafiosi e quant'altro, in particolare modo del Giappone e dell'area asiatica. 

Cercando di riassumere i punti centrali dell'articolo di Wilcock e dell'intervista con Fulford, questi buoni del tesoro furono emessi dalla FED in cambio di oro, che la Cina trasportò negli Stati Uniti negli anni '30 per proteggersi dall'invasione giapponese. Oggi la FED e gli Stati Uniti hanno dato chiari segni di non avere più intenzione di restituire quell'oro. 

A parere di Fulford questa operazione dei bond sarebbe stata una "sting operation", ovvero lo scopo era quello di farsi prendere in modo da far saltare fuori questi titoli del tesoro, e potere così presentare un'azione legale ufficiale. (E afferma che ci siano prove concrete, comprese di filmati, a carico degli accusati). Il fatto di avere questa circostanza dibattuta ufficialmente, permetterebbe di aprire in sedi pubbliche ed ufficiali i libri e i conti nascosti riguardo ai debiti in oro della Federal Reserve con il mondo asiatico (non solo la Cina). E qui stiamo parlando di quantità di oro nell'ordine delle migliaia di triliardi di dollari (sì, non ho scritto male). E il cuore della questione è che tutto ciò porterebbe al crollo totale del sistema finanziario, e alla fine del dominio del dollaro e degli americani, che oggi reggono il loro potere sull'abilità di stampare denaro per tutto il mondo. 

Sembra che la questione ruoti tutta intorno all'oro, perché anche se non dichiarato ufficialmente, ai livelli che contano tutti (americani compresi), sanno che il mondo è già in una forma di gold standard, perché molto del denaro FIAT americano viene "black listed", ovvero considerato fuori dai sistemi finanziari da molte di queste nazioni e gruppi di potere asiatici. (Inoltre, soprattutto in Cina e in Asia, esisterebbe moltissimo oro nascosto al di là di quello dichiarato ufficialmente).

Questa strategia dell'azione legale della Dragon Family sarebbe all'interno di una lotta tra le élite del nuovo ordine mondiale o illuminati (Stati Uniti, Israele e europa occidentale), che spingono (come sembra evidente) per una guerra totale e per un mondo dittatoriale, contro il resto delle nazioni del mondo non allineate che sono a favore di un nuovo sistema finanziario, e di un mondo sensibile alla solidarietà e all'uguaglianza dei popoli. All'interno dei gruppi di potere dell'occidente ci sarebbero già molte ribellioni e guerre interne, in particolare all'interno del Pentagono, e questo sarebbe il motivo per cui i piani di guerra e di invasione occidentali (vedi Iran) stanno subendo continui ritardi e blocchi, e rimangono su scala limitata.

L'articolo e l'intervista sono molto dettagliati e pieni di dettagli storici molto interessanti, o comunque affascinanti. Io mi sono limitato a una breve sintesi. (E se non fossero veri sarebbero comunque un ottimo romanzo).
Comunque il signor Wilcock in una sua intervista successiva a una radio piange addirittura quando parla delle sue minacce di morte... e non fa finta. Non credo che si siano inventati tutta questa storia per divertimento o in malafede.
 
La Russia è sicuramente il nemico numero uno degli americani, e della loro congrega di élite affaristiche e finanziarie. Ancora più della Cina perché ha ovviamente una certa influenza sull'europa e sputtana regolarmente gli americani dicendo la verità sulle loro guerre, oggi dette "esportazione della democrazia". 

Ed è quindi piuttosto ovvio quello che sta succedendo ultimamente dopo le elezioni in Russia, con la signora Clinton che salta su e dice che ci sono brogli stati elettorali tipo un'ora dopo che le urne sono state chiuse..., senza neanche aspettare il resoconto degli osservatori indipendenti. E tutti i media dell'area occidentale sull'attenti, spalmano ben bene la merda perché questo è il loro lavoro.

E le proteste di piazza vengono o grottescamente esagerate, o inventate di sana pianta, e la nuova arma social network è messa in funzione per radunare giovani ingenui o decerebrati a protestare per delegittimare Putin. E i media usano foto o filmati falsi per portare avanti la propaganda....
E la cosa ovviamente degenera del comico, con i risultati delle elezioni democratiche che vengono ritenuti inadeguati alla democrazia... 
 
Picture
manifestazone di Casa Pound contro il governo Monti

Io ho sentito di questo assassinio dei due senegalesi (cosa ovviamente tragica oltre che deprecabile), che ero in macchina per andare a fare un giro al fiume per rilassarmi..., e mi sono incazzato subito. In macchina ti puoi incazzare quanto vuoi, è legale...

Caterpillar su radio 2 (che è divertente, e lo ascolto quando sono in macchina) subito ha presentato l'argomento come: "questi pericolosi dell'estrema destra bla bla bla..."

E mi è sembrato subito subito - odore di paste appena uscite dal forno, il tipico attentato disumano manipolato e/o pilotato come una ciliegina sulla torta, da attribuire agli estremisti di turno (Casa Pound in questo caso).
E questo per riaffermare la coesione sociale in pericolo dei "buoni" di centro e in particolar modo degli internazional-totalitaristi di centro-sinistra (cioè i più grandi sponsor del grande crimine istituzionalizzato). 

Certo, è solo un'impressione. Anche se ormai di solito mi basta l'impressione e ci prendo sempre, ho un track record piuttosto impressionante. Qualcuno pensa che sia una spia della CIA, nel blog e ancora di più nell'oltre-blog. 

E comunque anche se così non fosse così, pazienza, che dire la verità sembra non essere più così importante, e soprattutto è insostenibile - Mission Impossible, 
che ormai viviamo nella neo-lingua.
Viviamo in un mondo al contrario, 

e quindi è inutile incazzarsi. Il bene e il male sono la casa degli specchi. E perché approfondire le cose? - che se anche mi sbagliassi in questo caso specifico, la sostanza non cambia, so che gli zombi robotizzati "del bene" avanzano, e a noi superstiti non resta che cantare... 
E goderci un po' la vita.


 
Tutto questo preoccuparsi dello stato..., ma perché non ci chiediamo se lo stato sia veramente utile?
Sono più i vantaggi o gli svantaggi di avere uno stato?

Ho tradotto la simpatica signora rock anarchica nel video di cui sotto
(standing ovation da parte mia, ovviamente).
Questi sono i sottotitoli:

Parlero' di cio' che alcune persone obiettano all'anarchia, e di come rispondergli...
Molte persone contestano l'anarchia, perche' pensano che porterebbe 
a una presa di potere da parte del crimine organizzato.
Quindi vorrei darvi le prime 10 ragioni per cui la mafia sarebbe meglio dello stato:

Ragione numero 10: La mafia ha il senso dell'onore, quando promettono di fare qualcosa, lo fanno. Nessuno al governo ha idea di cosa sia il senso dell'onore. Se promettono che faranno qualcosa, puoi contarci solo quando sei quello che deve essere fottuto.

Ragione numero 9: Il codice di condotta della mafia e' chiaro e semplice. Non e' inficiato da linguaggio tecnico ambiguo e da milioni di regolamentazioni.

Ragione numero 8: Quando le famiglie mafiose rivali si affrontano non uccidono migliaia di civili come danno collaterale. La guerra arrichisce lo stato, ma per la mafia rovina gli affari.

Ragione numero 7: Invece di fare la guerra contro la droga e contro gli americani, la mafia e' contenta di offrire pacificamente prodotti di alta qualita' a coloro che lo desiderano.

Ragione numero 6: Quando compri la protezione dalla mafia, la ricevi la protezione. La mafia tiene sotto controllo il crimine violento nelle aree che protegge. Quando compri la protezione dallo stato, puoi chiamare il numero d'emergenza, e morire.

Ragione numero 5: La protezione della mafia costa molto meno di quella dello stato. La mafia vuole dal 10 al 15% dei tuoi profitti, i vari livelli di governo vogliono almeno dal 40 al 50% dei tuoi profitti.

Ragione numero 4: Al contrario dello stato, la mafia ha interesse che la tua attivita' economica abbia successo. Sanno che rovinare la tua attivita' significa che non puoi pagare per la protezione. La mafia non impone costi burocratici e non ti chiede di sprecare il tuo tempo compilando milioni di moduli di tassazione auto-incriminatori.

Ragione numero 3: La mafia non ti impedira' di possedere un'arma per proteggere te stesso e la tua famiglia. Lo stato ha convenienza che tu sia disarmato. La mafia ti venderebbe con piacere gli strumenti necessari per difenderti.

Ragione numero 2: Lo stato vuole regolamentare quello che fai nella tua camera da letto. La mafia non solo non vuole regolamentare quello che fai nella tua camera da letto, ma ti venderebbe volentieri qualsiasi cosa di cui tu abbia bisogno per accrescere il tuo piacere.

E la Ragione numero 1 per cui la mafia dovrebbe sostituire lo stato: I membri della mafia hanno grande stile, vestono molto meglio dei burocrati di stato e sono molto piu' attraenti.

Quindi ragazzi e ragazze, la prossima volta che qualcuno argomenta con voi dicendo che l'anarchia porterebbe ad un aumento del crimine organizzato, sorridete dolcemente, e dite a quella persona che sarebbe un gran miglioramento rispetto allo stato...
 
Ma dove è finito quel milione di coglioni che solo pochi mesi fa è sceso in piazza a manifestare contro Berlusconi cioè a supporto "dell'emergenza della dignità delle donne"?
Oggi non protestano?!

Abbiamo un ministro che non riesce a dire la parola "sacrificio" perché le viene da piangere. Non ci riesce proprio. Si sente in colpa, si vergogna di quello che sta facendo. 
Più evidente di così che siamo di fronte a un delitto, non lo so. 
Ma ho letto che c'è finalmente un po' di umanità del governo, e quindi è un passo avanti rispetto all'era Berlusconi. Siamo nella direzione giusta.

Abbiamo un economista mediocre fatto senatore a vita e poi presidente del consiglio in un puff da fatina magica, secondo le istruzioni della cosidetta Europa e dei mercati finanziari. Il suo nome è Mario Monti. Costui ha detto: "l'euro è stato un grande successo per la Grecia". 

Costui sostiene esplicitamente che le crisi sono necessarie, perché le angosce e le sofferenze che esse creano permettono poi di far accettare ai popoli le riforme che dall'alto si è già deciso di imporre. E la sua ricetta per il sistema Italia, guarda caso, è quella di togliere liquidità dal sistema economico e potere d'acquisto alle famiglie e alle imprese. Esattamente come togliere del sangue a un malato. 

Chiaramente una ricetta depressiva per l'economia. 
Perché in realtà si vuole far crollare l'Italia e ridurla alla povertà, in modo da presentarci poi la soluzione che hanno già in mente, probabilmente "la salvezza" del superstato europeo. 
Perché questi tecnobanditi sanno benissimo che il popolo voterebbe contro se gli fosse chiesta un'opinione in proposito. Quindi non gliela chiedono... 
Preferiscono farlo soffrire. Si sa, che sotto tortura uno firma qualsiasi documento... Sul piano macroeconomico è quella conosciuta come shock economy.

E mai chiedere l'opinione al popolo, questo è fondamentale. 
Ricordiamoci per esempio lo sdegno e lo scandalo di Merkel e burocrati vari quando poco tempo fa Papandreu in Grecia aveva proposto un referendum riguardo al "salvataggio" del Fondo Monetario Internazionale. Direttamente sulle prime pagine dei giornali, che con serenità riportavano che un referendum era pericoloso, era sbagliato... Tutto normale.
Il mondo al contrario.

Quindi avanti con la missione collasso economico...
Non è proprio una novità, certo. I burocrati e le istituzioni finanziarie sovranazionali decidono ormai da anni la politica economica degli stati europei. Sono anni che la mancanza di una moneta sovrana sta riducendo tutti gli stati dell'europa meridionale al collasso. Sono anni che ogni sussulto residuo di autonomia in ambito economico subisce la reprimenda e il veto delle agenzie di rating, della stampa finanziaria internazionale e dei loro lecchini... - (si ricordi l'ultimo tentativo del governo Berlusconi di abbassare le tasse dopo la sconfitta elettorale di Milano). Sono anni che il trattato di Lisbona ha messo fine alla sovranità nazionale a favore di una commissione di burocrati non eletta.

E sono passati solo pochi mesi da quando un milione di coglioni sono scesi in piazza a manifestare contro Berlusconi e contro "gli insulti alla dignità delle donne", applauditi dal Financial Times e dal resto della stampa finanziaria mondiale...
Cosa faranno adesso?
Picture
Il ministro piange. Starà facendo la cosa giusta?

           
  "I cittadini possono essere pronti a queste cessioni (di sovranità) solo quando il costo politico e psicologico del non farle diventa superiore a quello del farle, perché c'è una crisi in atto visibile e conclamata"
                                                                                                Mario Monti