Picture
Ma viviamo in uno stato laico o cosa? 
So che ultimamente squalificano i concorrenti dai reality show causa bestemmia, ma la tv è la tv, vabbè, il concorrente si scusa in ginocchio davanti ai milioni di telespettatori ma ormai è fatta e deve abbandonare il paradiso della tv. Ma addirittura nel calcio..., cos'è, una conseguenza dell'11 settembre e della guerra del bene contro l'islam barbuto e cattivo tutta questa  sacralità violata dalla bestemmia? 

Rolando Bianchi bestemmia durante la partita di calcio Torino-Brescia, e viene squalificato per una giornata. Sono i dirigenti del Brescia a denunciare una presunta espressione blasfema pronunciata dal giocatore, e la prova televisiva sembra confermarlo. I dirigenti del Brescia hanno reso giustizia a Dio e l'avversario è squalificato, salterà la finale dei play-off di serie B. 

Il che mi fa venire in mente quando i giocatori dopo un goal fanno il segno della croce e ringraziano il cielo come se Dio tifasse per loro e contro quei profani della squadra avversaria quei bastardi, è veramente uno spettacolo demenziale.

Ad ogni modo, Rolando Bianchi squalificato. Anzi no, contrordine
la corte federale accoglie il ricorso del Torino. Ma non perché il fatto contestato è assurdo, non perché la bestemmia è comune nel mondo dello sport e addirittura una tradizione nel calcio amatoriale un po' come mangiare i tortellini a Natale è una tradizione in Emilia Romagna. Il ricorso è stato accolto non perché il Vaticano non c'entra niente con la Lega Calcio e il fatto contestato è irrilevante, no, 
la squalifica è stata revocata perché l'attaccante del Torino ha sostenuto di non aver mai bestemmiato. E per provarlo la società granata ha prodotto una perizia sul labiale del giocatore. 
Ha detto "zio cane" - aveva spiegato il presidente del Torino, Urbano Cairo - e lo proveremo».  E così è stato. Assolto. 

L'ipocrisia e la follia regnano sovrane. (Insieme al Vaticano, si capisce). 
E mi viene in mente un'altra follia molto più grave, la pornostar Brigitta Bulgari arrestata e messa in carcere con l'accusa di pornografia minorile. Per aver fatto uno spettacolo in una discoteca durante il quale si sarebbe fatta toccare dal pubblico e sarebbero stati presenti anche dei minorenni. 
Picture
Il provvedimento a suo carico e' stato disposto dal gip di Perugia in seguito ad un'indagine condotta dai militari della compagnia di Gubbio. Ma questi qui di Gubbio, non avevano proprio un cazzo da fare? 
Con decine di migliaia di bambini che scompaiono nel nulla (200.000 all'anno solo negli Stati Uniti - noi vediamo 2-3 bambini scomparsi all'anno al telegiornale e pensiamo  che i numeri siano quelli...), molti dei quali vittime di pedofilia e di riti satanici (attività entrambe molto diffuse che riguardano per lo più una fascia sociale alta che è in grado di insabbiare regolarmente ogni indagine sul nascere), complimenti davvero a quei coglioni dei militari di Gubbio e del gip di Perugia per il loro ridicolo e inutile compitino, bravo! (con l'accento alla francese). 

Va beh, basta così. Forse continuo questo discorso un'altra volta... Certo la legge è veramente un circo pieno di pagliacci e animali. 
Mi pare inutile entrare nel merito della vicenda Bulgari, ma per fortuna c'è il lieto fine, è di oggi la notizia che il tribunale del riesame ha accolto le richieste della difesa, e la ragazza ungherese è di nuovo in libertà, dopo 11 giorni di carcere e alcuni giorni di arresti domiciliari. Beh, almeno si sarà fatta un po' di pubblicità con tutta questa storia. Buon per lei che è un personaggio famoso, altrimenti credo sarebbe ancora in carcere e chissà per quanto tempo...



Leave a Reply.