Picture
E Leonardo Da Vinci, Nikola Tesla, Napoleone, Thomas Jefferson, e l'altro Thomas, Edison che alla fine ce l'ha fatta a inventare la lampadina, eccetera, e Wiston Churchill eccetera, ci sono un sacco di personaggi importanti in tutti gli ambiti dello scibile umano che hanno adottato il sonno polifasico nella loro vita. 
Ovvero dormire molto, ma molto meno di quanto la nostra cultura ci abbia abituato a fare. Essenzialmente si fanno dei brevi sonnellini sparsi nella giornata - 6 pisolini di 20 minuti nel caso più estremo. L'Uberman l'hanno battezzato in giro per la rete, che mi ricorda un po' Zarathustra di Nietzsche come definizione, e con l'Uberman non si dorme mai più di 20 minuti consecutivi. Ma ci sono anche altri tipi di sonno polifasico, decisamente più morbidi, tipo l'Everyman, che prevede un sonno centrale di 3 o 4.5 ore, e rispettivamente 3 o 2 sonnellini di 20 minuti.

E anche se Zarathustra è uno dei libri che mi ha influenzato di più, io sono un Everyman almeno per quanto riguarda il sonno, me lo sento. Che ci vuole un sonno lunare più lungo e ristoratore, un minimo di ciclicità nel microcosmo della giornata. E ci ho provato a fare l'Everyman, con risultati positivi perché il sistema funziona, mi sento più sveglio e fresco durante le mie ore di veglia, che sono molte di più. E con risultati negativi, perché non sono riuscito a seguire il ritmo con costanza, ho cambiato spesso gli orari dei miei impegni quotidiani, tra l'altro cercando di farli combaciare con la cena in famiglia, per inserire almeno uno 0.1 di vita sociale nella mia giornata... e insomma, ho fatto un po' di casino...

Su internet si trovano alcuni studi e esperimenti interessanti sulla questione, ma ho deciso di non stare a analizzare l'argomento più di tanto. Vado a esperienza e a intuito, e alcune cose credo di averle capite che sono comunque degli anni che pratico il pisolino o power nap. E poi guardo il mio gatto cosa fa, sembra non avere alcuna difficoltà. E sogna anche che ogni tanto fa dei mugugni strani mentre dorme. E di sicuro della ricetta culturale delle 8 ore non mi fido, è sicuramente prettamente culturale tra l'alto giusta giusta per permetterti di presentarti puntale e efficiente al lavoro... 

Ad ogni modo, vedremo se riesco a vivere un mese in più all'anno (da sveglio). Insomma ho scritto questo post solo per mettere per iscritto la cosa, che la parola scritta dà una certa ufficialità - da oggi l'Everyman è il mio ritmo sonno-veglia definitivo, preferibilmente con 3 ore di sonno centrale + 3 pisolini da 20 minuti. Che è piuttosto curioso questo mondo e mi va di vivere di più, e poi facendo tanti sonnellini ci si ricordano anche un sacco di sogni in più...



Leave a Reply.